Emanuel Carnevali. The black poet

“Quella mattina l’alba salì dai fradici selciati cittadini,

 era un respiro grigio e ammalato.

Mi ero speso chiedendo alla notte il sonno.

 

Ero a pezzi – soltanto lo spirito del male interamente in me;

c’era una maledizione sulle mie morse sanguinanti labbra…..

e poi…..

Oh, poi giunse il solito vecchio impudente fantasma;

portava i miei sformati e logori calzoni, e non era rasato;

la sua faccia avevo visto nello specchio

sin troppe volte”.

Emanuel Carnevali fugge negli Stati Uniti a diciassette anni, lasciandosi dietro l’Italia, la campagna bolognese, gli studi al collegio Foscarini di Venezia e anche un’infanzia disperata: era figlio di genitori separati, subito orfano di madre morfinomane, aveva un padre autoritario. A New York vive al margine assoluto, sopravvive di lavori infimi e impara la nuova lingua interpretando i caratteri delle insegne pubblicitarie che illuminano le notti di lavoro sulla strada.

Incredibilmente e con una progressione tipicamente americana, a Chicago, Carnevali è scoperto da Harriet Monroe che pubblica le sue prime poesie sulla rivista “Poetry” ed è subito notato e apprezzato da autori importanti come William Carlos Williams, Sherwood Anderson, Waldo Frank, Ezra Pound. Per la sua indole ribelle, anarchica e indipendente viene soprannominato “the black poet”.

La sua forza, e di conseguenza anche la forza della sua poesia, viene dall’estraneità, Carnevali è sempre straniero, in Italia per difetto di nascita, a causa di eventi familiari e di situazioni, in America per dato di fatto, in base al passaporto. E così anche il grande Paese che l’ha accolto e i suoi miti nati dall’indipendenza, e nutriti da sentimenti di libertà e intraprendenza, vengono fatti a pezzi da un indomito spirito critico che mette in evidenza la cruda realtà, svelando un mondo fondato su un’etica disumana, regolata dal suono della moneta e dal ritmo delle macchine.

Il poeta nasce dall’evidenza di questa contrapposizione, è l’intervallo tra la nuda realtà americana e le sue forme di rappresentazione a generarlo. Il poeta nasce ed è in quanto poeta in automatico contrasto e non si tratta di un contrasto semplicemente culturale, ideologico, è un contrasto vitale, assoluto, profondo, come fosse il nulla a guardare il mondo e il mondo, atterrito, costretto, a sua volta, a specchiarsi nel nulla che lo osserva.

Ciò che spaventa i contemporanei è  anche lo stile di vita marginale di Emanuel,  la sua caparbia volontà di non integrarsi mai, vivere di accattonaggio mendicando o nutrendosi di prodotti della natura accampato sulle dune dell’Indiana. Spaventa soprattutto il rifiuto di ogni prerogativa umana e, in fondo, il rifiuto della vita stessa.

“Io, che ero stato il Dio nero sul candore delle dune, ora ero soltanto un uomo ammalato.”

Anche la sua malattia non è normale ma terribilmente diversa da tutte le altre, Carnevali si ammala di encefalite letargica, che lo costringe prima a ritornare in Italia e poi lentamente a morire.

Kay Boyle la scrittice americana sua amica lo incontra malato, ormai morente, e lo definisce “meraviglioso, completamente tremante, come una farfalla fissata con gli spilli.”

Bello come una farfalla, finalmente disumano. Al suo posto, nell’ordine dell’infinito naturale.

 

 

Sherwood Anderson. Winesburg, Ohio

Williams Carlos Williams ha scritto che un buon racconto è quello che trascina il lettore dentro la storia e finisce quando uno meno se l’ aspetta.

I racconti di Sherwood Anderson non hanno proprio questa struttura ma l’effetto è simile, perché quando iniziano siamo trasportati immediatamente nelle antiche atmosfere della cittadina di Winesburg, Ohio e quando finiscono ci lasciano pensierosi e incantati come in una notte d’estate profumata di erbe aromatiche, timo e liquirizia.

Il mondo di Anderson è racchiuso nella parentesi che separa l’America contadina dall’America moderna: una vita semplice, in cui i lavori sono quelli di una volta, le classi sociali ben definite e le ragazze vanno corteggiate e portate a spasso in calesse.

Le piccole comunità e i paesi raccontati hanno ancora un’anima, non sono periferie anonime o dormitori, sono centri vivi di vita.

Il pensiero dello scrittore, amico di Lee Masters e Gertrude Stein, é descritto e spiegato in particolare nel primo racconto (non saprei se è il più bello, certo il più filosofico e autobiografico): il libro delle caricature.

E’ la storia di un vecchio scrittore e di un falegname.

Le finestre della casa sono alte e lo scrittore, quando si sveglia la mattina, non riesce a scorgere la campagna, fuori, allora chiama il falegname per alzare il letto.

I due si incontrano, parlano del passato, il falegname racconta la guerra civile che ha combattuto e piange.

La sera lo scrittore per andare a letto deve aiutarsi con una sedia.

La notte sogna.  Vede le persone della sua vita in una processione di caricature, così si sveglia e scrive il libro che da il titolo al racconto.

“In principio, quando il mondo era giovane c’erano molti pensieri ma non esisteva nulla di simile a una verità. Le verità le fabbricò l’uomo e ogni verità fu composta da un grande numero di pensieri imprecisi. Così in tutto il mondo ci furono verità. Ed erano meravigliose”.

Il vecchio scrittore immagina, poi, che la gente si gettasse sulle verità impadronendosene, i più forti facendone persino incetta. Sono le verità a trasformare le persone in caricature, in falsi simulacri di se stesse, perché la sintesi tra persone e verità è impossibile.

Non a caso la caricatura più piacevole del libro delle caricature è quella del falegname, senza dubbio la più vera e anche la più amata.

Ecco, il pensiero di Anderson e i suoi racconti sono dedicati alle civiltà autentiche e di conseguenza anche ai lavori e agli uomini e alle donne autentici e noi, per quanto ci riguarda, pensiamo che è bello leggere storie di un mondo autentico riportandolo in vita a partire dalla lettura e dai nostri pensieri.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: