Wassily Kandinsky. Punto, linea, superficie

kandinsky

Punto, linea, superficie” è un lavoro innovativo nell’ambito della storia dell’arte e Wassily Kandinsky è probabilmente l’artista che, più di altri, ha provato a dare un contenuto teorico all’esigenza di spiegare il senso della sua opera e delle sue ricerche.

L’obiettivo che, in prima istanza, emerge sembra essere il tentativo di porre l’arte in un contesto scientifico, avvalendosi di scienze esatte quali matematica e geometria.  Quindi la volontà di raffreddare, attraverso la purezza glaciale di formule,  equazioni e algoritmi, il calore pulsante del segno dell’artista riponendolo in un ambito formale.

«È come un pezzo di ghiaccio nel quale brucia una fiamma» diceva Kandinsky, riferendosi alla sua pittura, e così, facendo coesistere il freddo e il caldo, ipotizzava una sorta di prigione formale nella quale, in fondo, potessero abitare anche le emozioni. Ma la sua affermazione rivela che  fiamma e  ghiaccio sono soprattutto espressioni di una realtà in divenire e che, pertanto, hanno molto in comune con la materia organica di cui è fatta la terra e la nostra vita.

Per la stessa ragione la forma, in questo caso le forme, sono da considerarsi espressioni significanti delle particolari realtà che rappresentano.

Più che a progetto di una nuova scienza artistica “Punto, linea, superficie” è assimilabile, nel suo ulteriore sviluppo, a un trattato metafisico, infatti, superando la tassonomia delle forme, in esso Kandinsky dichiara di voler cercare il contatto diretto con l’opera, provando a: “diventare attivi in essa e a vivere il suo pulsare con tutti i sensi”.

Kandinsky-blue-1940

La superficie di fondo di un quadro, prima di essere lavorata, è insieme spazio artistico e letterario, il bianco è al tempo stesso vuoto e pieno perché possiede un’innata personalità che, nel processo di costruzione, si unisce, rispecchiandosi, alla personalità dell’autore. E’ un rapporto diretto, speculare, tra esseri viventi nel quale destra e sinistra si rovesciano come allo specchio, la destra dell’autore è la sinistra della superficie di fondo, e la sinistra è la destra. Uno scambio, un incrocio come quello che si verifica quando incontriamo un’altra persona e le stingiamo la mano.

Lo spazio letterario coincide con lo spazio artistico nel momento in cui l’opera svela la dinamica del racconto. La parte superiore della superficie di fondo rappresenta la leggerezza, il suo carattere letterario è il cielo, la parte bassa la pesantezza, la terra, il lato destro la quiete, la casa, quello sinistro la libertà, la lontananza.

“Non ci si immagini che questi rapporti debbano essere presi alla lettera, e specialmente non si creda che essi possano determinare l’idea compositiva. Essi hanno solo lo scopo di rappresentare analiticamente le tensioni interne della superficie di fondo e di portarle alla coscienza; e ciò, per quanto mi risulta, non è stato ancora fatto in una forma ben chiara..” scrive Kandinsky, ma alzando gli occhi sulla parete di fronte vedo che in uno dei miei quadri il fiume scorre verso sinistra e, nell’altro, il mare si perde dalla stessa parte.

La superficie di fondo raccoglie e contiene queste tensioni contrastanti e i punti e le linee, facendo parte o svincolandosi dal contesto, generano movimenti che mettono in dubbio i limiti definiti della superficie stessa, portando l’attenzione dello spettatore su  nuovi scenari di spazio indefinito e smaterializzato.

Entrare quindi in profondità nell’opera d’arte anche a costo di confondere le identità e smarrire la cognizione dello spazio e del tempo.

About these ads
Lascia un commento

1 commento

  1. It’s enormous that you are getting ideas from this article as well as from our discussion made
    here.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 481 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: